.
Annunci online

"Leggo per legittima difesa" (Woody Allen)
spettacoli
1 agosto 2009
Il concerto di Burt Bacharach e Karima a Brescia, 22 luglio 2009.

Io ho dei gusti musicali molto eterogenei, riesco ad esaltarmi allo stesso modo per i Red Hot Chilly Peppers e per Frank Sinatra, e non ritengo blasfemo ascoltare prima Skin o Annie Lennox e di seguito Nina Simone.

Da piccola, tanto per dire, il mio giradischi ha fatto i solchi nel vinile di Glenn Miller e Benny Goodman. Sì, va beh, un po’ strana lo ero.

Comunque, quando ho saputo che Burt Bacharach avrebbe tenuto un concerto in Piazza Duomo a Brescia, la tentazione di andarlo a sentire si è impossessata di me. E, giusto per fare una citazione letteraria un po’ trita, ho seguito il consiglio di Oscar Wilde che sosteneva che il miglior modo per resistere alle tentazioni è cedere. Per cedere ho dovuto quasi accendere un mutuo, visto il non proprio popolare prezzo di € 57,50 per un posto numerato in platea…

Anche avere un seguito non è stato facile, visto che il 90% delle persone che conosco non sapeva neppure chi fosse Bacharach, pur avendo ascoltato centinaia di suoi brani e colonne sonore. Come si fa a non venerare l’autore di “I say a little prayer for you”? Per me è un mistero!

Quando mi sono seduta mi sono accorta che il pubblico era composto solo da tre tipologie di ascoltatori: i quasi quarantenni come me, una serie di vecchie mummie sfuggite nottetempo al museo egizio di Torino e coppie gaie. Ah, dimenticavo i fan duri e puri, quelli che si sono fatti centinaia di km per venire a vederlo e che alla comparsa dell’arzillo ottuagenario (Burt Bacharach è nato il 12 maggio del 1928) hanno gridato a squarciagola “you’re eternal”.

Bravissima Karima, anche se in apertura di concerto pochi se la sono filata e hanno continuato bellamente a chiacchierare, bellissima la canzone presentata all’ultimo Sanremo “Come in ogni ora”, orchestra ricca e ben oliata, coristi/solisti con voce da brividi e Burt Bacharach tra il timido e l’istrionico. Repertorio da “Mille e una notte”, anche se io avrei dato maggior rilievo ai grandi successi del passato, senza relegarli, come spesso è accaduto, in alcuni medley.

Ho fatto qualche ripresa del concerto con il cellulare, perciò la qualità è quella che è. Dopo le riprese artigianali, una versione divertentissima di “I say a little prayer for you” tratto dal film “Il matrimonio del mio migliore amico”, con Rupert Everett e Julia Roberts.

Buone vacanze a tutto voi!
Arte.

Discografia
• Hitmaker! Burt Bacharach Plays His Hits (1965)
• What's New Pussycat - colonna sonora (1965)
• After the Fox - colonna sonora (1966)
• Reach Out (1967)
• Casino royal - colonna sonora (1967)
• On The Flip Side -colonna sonora TV (1967)
• Make it Easy on Yourself (1969)
• Butch Cassidy and the Sundance Kid - colonna sonora (1969)
• Promises, Promises (1969)
• Burt Bacharach (1971)
• Lost Horizon - colonna sonora (1973)
• Burt Bacharach in Concert (1974)
• Living Together (1974)
• Futures (1977)
• Together? (1979)
• Woman (1979)
• Arthur - colonna sonora (1981)
• Night Shift - colonna sonora (1982)
• Arthur 2: On The Rocks - colonna sonora (1988)
• Burt Bacharach and Friends-The definitive collection (1995)
• One Amazing Night (1998)
• Painted From Memory con Elvis Costello (1998)
• Isley Meets Bacharach: Here I Am con Ronald Isley (2003)
• At This Time (2005)
• Burt Bacharach: Live at the Sydney Opera House with the Sydney Symphony Orchestra (Live) (2008)









sfoglia
   giugno        settembre

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte


by Blografando&BW



IL CANNOCCHIALE